Per le famiglie dei bambini chirurgici, che devono affrontare lunghi periodi lontane da casa, A.B.C. mette a disposizione gratuitamente degli alloggi a Trieste, uno di fronte all’ospedale Burlo, e gli altri a circa 10 minuti di autobus. Gli appartamenti sono pensati per far sentire le famiglie come a casa e sono forniti di tutto il necessario.

Ad accogliere i genitori e i familiari, ci sono i volontari A.B.C. i quali danno indicazioni di tipo organizzativo e logistico, aiutano le famiglie ad orientarsi e diventano un punto di riferimento nella vita quotidiana.

Il progetto nasce non solo con lo scopo di alleggerire economicamente le famiglie che già vivono una situazione di disagio, ma soprattutto di rendere disponibile un luogo in cui i genitori possano avere uno spazio confortevole, possano ricaricarsi e riposare per poter dedicare le loro energie all’assistenza dei propri figli. Uno spazio in cui ospitare le loro intense emozioni perché, in fondo, anche in un momento difficile come quello che attraversano i genitori durante il ricovero dei loro bambini, la casa dà sicurezza e conforto.

A.B.C. inoltre aiuta le famiglie a sostenere le spese di viaggio e prima necessità durante la degenza.

Il progetto nasce con lo scopo di alleggerire economicamente le famiglie che già vivono una situazione di disagio, ma soprattutto di rendere disponibile un luogo in cui i genitori possano avere uno spazio confortevole, possano ricaricarsi e riposare per poter dedicare le loro energie all’assistenza dei propri figli. Uno spazio in cui ospitare le loro intense emozioni perché, in fondo, anche in un momento difficile come quello che attraversano i genitori durante il ricovero dei loro bambini, la casa dà sicurezza e conforto.