News  
     
 

Archivio News

2018

2017

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2008

2007

2006



 
23/11/2007 | Progetto Raman, 18mila euro al Burlo da A.B.C. e Rotaract

La consegna dei fondi in concomitanza della visita di uno dei massimi esperti tedeschi del Raman: sabato al Burlo la prof. Beleites dell'Università di Dresda

Trieste, 24 novembre 2007 - Applicare il metodo Raman alla chirurgia pediatrica, vincere la sfida di una conoscenza sempre più approfondita dei tessuti sani e dei tessuti malati, per poter intervenire prima e in maniera sempre più precisa e meno invasiva su tumori, malformazioni e in caso di traumi e infezioni nei bambini, in un futuro anche per quelli in utero.

E' questo, in parole molto semplici, uno degli obiettivi dell'Irccs Burlo Garofolo nel campo della chirurgia pediatrica: sostenuto dall'Associazione Bambini Chirurgici, che nell'ultimo anno ha acquistato strumentazioni sofisticate e collaborato all'avvio del progetto, il Burlo otterrà sabato 24 novembre una ulteriore, importante donazione.


I fondi derivano dalla collaborazione di Abc con il Rotaract – la formazione giovanile del Rotary Club, che coinvolge giovani under 30 – che in un anno di attività solidale ha raccolto 18mila euro a vantaggio di questo progetto, ai quali si sommano ulteriori 7mila euro che derivano da banchetti organizzati dai Rotarctani attraverso la vendita di peluche Trudi donati ad Abc: in totale, 25mila euro a vantaggio del Burlo, che si sommano agli 85mila donati lo scorso maggio, per attrezzature coinvolte nel progetto. Un fondo che supera ormai i 100mila euro e che permette al Burlo di consolidare il proprio ruolo nella ricerca applicata alla chirurgia pediatrica.

Il nuovo fondo donato al Burlo servirà per finanziare una borsa di studio a vantaggio di un ricercatore che sulle orme dell'attività svolta dalla prof. Beleites dell'Università di Dresda – uno dei massimi esperti europei del metodo Raman – lavora con il Burlo e l'Università di Trieste per lo sviluppo di questo metodo in chirurgia pediatrica.

La sfida consiste nel conoscere sempre più a fondo i tessuti di cui è composto il corpo umano: dalla ricerca scientifica pura, il progetto viene applicato in clinica, e in particolare attraverso analisi di laboratorio sempre più specializzate, tali da permettere ai medici, in sede di intervento chirurgico, di conoscere a un livello molto approfondito i tessuti su cui si sta operando rendendo l'atto tecnico sempre più preciso e meno invasivo, effetto importante ai fini della risoluzione della malattia, ma anche nel contenimento del dolore per i piccoli pazienti e delle conseguenze a livello anatomico. La spettrografia Raman è un sistema molto avanzato di analisi dei tessuti sul quale il Burlo, assieme all'Università di Trieste e in collaborazione con l'Università di Dresda, sta lavorando grazie all'impulso di Abc

La giornata della donazione coincide con il summit a Trieste tra Burlo e Università, alla presenza della prof. Claudia Beleites, un incontro dedicato proprio allo sviluppo del metodo Raman.


Presentiamo oggi questa attività di ricerca, con fortissime implicazioni cliniche – ha dichiarato il direttore generale del Burlo, Mauro Delendi - grazie alle capacità indiscusse dei nostri professionisti, ai loro legami internazionali ed alla collaborazione con l’Università di Trieste, ma anche grazie al sostegno indispensabile di ABC, questa ancor giovane, ma instancabile, associazione di volontariato che da alcuni anni collabora con il Burlo Garofolo. In questa occasione, ABC ha creato una sinergia efficacissima con il Rotaract: il grande rilievo del risultato ottenuto testimonia l’importanza di unire le forze e gli entusiasmi, per conseguire importanti traguardi. Ai giovani del Rotaract ed all’associazione ABC, il Burlo rivolge il ringraziamento per la fiducia in esso riposta e garantisce il massimo impegno a perseguire livelli sempre più elevati nella qualità della ricerca e dell’assistenza, sempre più indissolubilmente legate.”

“L’impegno di A.B.C. si svolge su svariati fronti - sostiene il presidente di A.B.C Luca Alberti -. L’intento principale è quello di supportare nella fase della malattia genitori e bambini, ma anche di dare delle speranze in più di guarigione. Infatti A.B.C. crede fortemente nella ricerca scientifica, essa rappresenta un investimento per la crescita della medicina su tutti i fronti ed ha come conseguenza una possibile risoluzione o una gestione meno pesante in termini di carico familiare delle malattie chirurgiche. L’aiuto di Abc per questo progetto è potuto avvenire attraverso l’operato del Rotaract, composto da giovani che si muovono con grande impegno e serietà, a loro va il nostro grazie di cuore. Gli obiettivi solidaristici - continua Alberti - non si possono portare a termine da soli, ma attraverso una rete di “amici” - qual è il Rotaract per Abc già da tempo - che aiutino e supportino le azioni delle organizzazioni”
.





..torna alla lista news ›
 
     
  Associazione per i Bambini Chirurgici del Burlo - onlus - Cod. Fiscale 01084150323   Credit: Altamira / Agora Web