News  
     
 

Archivio News

2019

2018

2017

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2008

2007

2006



 
19/06/2019 | RICONOSCERSI NELLA SOLIDARIETÀ

LO SPIRITO DEL GRUPPO CRÉDIT AGRICOLE ITALIA: COESI NEL BUSINESS E ANCHE NEI VALORI

Uno dei ruoli di A.B.C. è quello di facilitare le reti e le connessioni fra diverse realtà che decidono di impegnarsi a favore dei bambini chirurgici e delle loro famiglie. Un esempio di questa connessione è arrivato a fine 2018, quando A.B.C. ha ricevuto una preziosa donazione da parte del Gruppo Crédit Agricole, che permetterà di finanziare per un anno il progetto di sostegno psicologico dalla diagnosi prenatale a tutto l’i-ter chirurgico. Questo supporto ha un valore ancora più grande perché è stato reso possibile dagli oltre 10.000 collaboratori del Gruppo, che, in tutta Italia, hanno scelto di cooperare con A.B.C. Abbiamo intervistato Carlo Piana, direttore generale di Crédit Agricole FriulAdria, che ci racconta le motivazioni e lo spirito che hanno mosso questa scelta.


Quali sono state le motivazioni che vi hanno portato a questa partnership con A.B.C.?

«Riteniamo importante sostenere le strutture di eccellenza del nostro territorio. La qualità e la specializzazione del servizio medico pediatrico erogato dal Burlo è riconosciuta a livello nazionale. Il nostro affiancamento al progetto clinico di sostegno psicologico in diagnosi prenatale è la tappa di un percorso che ci ha visto negli anni scorsi collaborare con altre importanti strutture ospedaliere italiane nelle regioni presidiate dal Gruppo Crédit Agricole Italia. Tali gesti rispondono alla scelta strategica di aiutare i bambini in difficoltà e le loro famiglie. Prima del Burlo abbiamo suppor-tato realtà di eccellenza come il Meyer di Firenze, il Gaslini di Genova e il reparto di oncoematologia infantile dell’ospedale di Padova.»

Quella di Crédit Agricole è stata un’iniziativa che ha coinvolto direttamente oltre 10.000 collaboratori del Gruppo in tutta Italia. Come hanno accolto l’idea di sposare questo progetto? In che modo hanno dato il loro contributo?

«La somma di oltre 45 mila euro che abbiamo donato all’Associazione per i Bambini Chirurgici del Burlo è il frutto di una raccolta collettiva che ha visto la partecipazione dei dipendenti e delle organizzazioni sindacali. L’azienda ha poi integrato il contributo attraverso il meccanismo del “Payroll Giving”: i dipendenti arrotondano all’euro inferiore l’importo della propria busta paga e l’azienda aggiunge la parte per arrivare al valore dell’euro. Le somme così raccolte vanno ad alimentare un fondo che viene utilizzato per questo tipo di donazioni.»

Qual è il valore di un così importante coinvolgimento della vostra comunità?

«La comunicazione di una diagnosi di malformazione a carico del feto in fase prenatale è un evento traumatico per i genitori. È con questa consapevolezza che abbiamo scelto di affiancare il progetto ed è bello, oltre che significativo, vedere tutte le componenti aziendali riconoscersi e credere in iniziative di solidarietà come questa. Siamo una squadra coesa non solo nel business ma anche nella condivisione dei valori. Inoltre, diventiamo noi stessi un volano di conoscenza e di promozione delle strutture che aiutiamo.»





..torna alla lista news ›
 
     
  Associazione per i Bambini Chirurgici del Burlo - onlus - Cod. Fiscale 01084150323   Privacy      Credit: Altamira / Agora Web