News  
     
 

Archivio News

2018

2017

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2008

2007

2006



 
17/04/2018 | LA VOCE DEI VOLONTARI

Il rapporto tra genitori e figli è speciale. Sempre. Spesso, presi dalla frenesia del quotidiano non ci si sofferma a guardare come l’altro, anche quando si tratta della nostra stessa famiglia. Attraverso l’esperienza del volontariato in reparto e dell’incontro con le mamme i papà dei bambini ricoverati, Lucrezia, la protagonista di questa Voce dei Volontari, ci racconta di come queste famiglie trasmettano amore profondo ai loro piccoli e di come tutto questo possa essere uno spunto di riflessione per apprezzare ancora di più la nostra famiglia.


Fare parte del mondo di A.B.C. è un’avventura che cambia radicalmente il modo di vedere la vita, fa rivisitare le priorità di chiunque entri in contatto con i bambini e le loro famiglie.
Vorrei approfittare di queste brevi righe per soffermarmi proprio su di loro, le famiglie.
La cosa che mi ha colpito di più è proprio il rapporto che si forma tra mamme e bambini, papà e bambini.In una delle mie ultime esperienze in reparto ho visto una mamma con la sua bambina, e non ho potuto fare a meno di ammirarla. Il modo in cui la guardava, le parlava, era totalmente e al 100% disponibile e “presa” da ogni bisogno e ogni parola della figlia. Mi ha fatto pensare a come, invece, può capitare che nelle famiglie che non attraversano questo tipo di situazioni difficili, si dia tutto più per scontato.
Non voglio dire che non si apprezzi la propria madre o il proprio padre o ancora il figlio, ma spesso non ci si sofferma a pensare a quanto l’altro sia fondamentale, e capita di non ascoltarsi fino in fondo, di non apprezzare un bacio o un abbraccio, o di infastidirsi se l’altro si preoccupa per noi.
Ecco, è vedendo questa mamma con la bambina nella camera del reparto che ho fatto queste riflessioni, vedendo come la signora pendesse dalle labbra della figlia, come la figlia richiedesse e apprezzasse le preoccupazioni ed attenzioni della mamma, che invece a volte noi (soprattutto molti ragazzi giovani di oggi) rifiutiamo dalla famiglia.
Dovremmo un po’ tutti, non solo chi fa questo tipo di esperienze di vita, rivedere le nostre priorità, ritrovare a pieno l’amore ed il senso della famiglia, ed apprezzare di più le attenzioni che chi ci ama ci riserva.




..torna alla lista news ›
 
     
  Associazione per i Bambini Chirurgici del Burlo - onlus - Cod. Fiscale 01084150323   Credit: Altamira / Agora Web